Scaricare Libri Gratis




Gente di bordo. La vita quotidiana dei marittimi genovesi nel XVIII secolo libri gratis PDF / EPUB

  • Autore: Lo Basso Luca
  • Editore: Carocci
  • I dati pubblicati: Gennaio '2016
  • ISBN: 9788843079513
  • Formato del libri: PDF, Epub, DOCx, TXT
  • Numero di pagine: 923 pagine pages
  • Dimensione del file: 39MB
  • Posto:

Sinossi di Gente di bordo. La vita quotidiana dei marittimi genovesi nel XVIII secolo Lo Basso Luca:

Lo scopo di questo libro e di porre l'attenzione sul mondo del lavoro marittimo nel secolo dei Lumi, tradizionalmente visto come luogo marginale, di frontiera e "transnazionale", dove le integrazioni, ma anche i conflitti, raggiungono i massimi livelli nella societa di antico regime. In questo contesto la nave si trasforma nel corso dell'eta moderna in un vero e proprio laboratorio sociale, in cui attorno alle conflittualita tra marinai, capitani e armatori si intrecciano integrazioni straordinarie che vanno oltre le "frontiere nazionali", via via imposte da tutti gli Stati.
The purpose of this book is to focus on maritime labour world in the age of enlightenment, traditionally seen as marginal, border and "transnational" place, where integrations, but also conflicts, reach the highest levels in the society of the ancien r??gime. In this context the ship transforms during the modern age in a real social laboratory, in which around the conflict between sailors, captains and shipowners intertwine extraordinary integrations that go beyond the "borders", gradually imposed by all States.

Comentarios

Alphonso vogue cigarettes where to buy

così tanto bella storia;)

Uberto

mio figlio è davvero piaciuto il tuo libro.

Petronella

ahahah, lo adoro! Terrific! Molto bene.

Callisto

grande libro! non può attendere per saperne di più :)

Malvolia

Ciao Stephanie ;) Würde dein Buch ganz gerne lesen, aber vor ab: Ist es zu Ende oder kommt noch eine Fortsetzung (dann ich warte nämlich noch ein weilchen xP ) und: würdest du das Buch eventuell zum download freischalten? liebe grüße, Sarah